Navigation

Insegnante ticinese "morta per edema polmonare"

Il luogo del ritrovamento del corpo © Ti-Press

Il Giorno anticipa l'esito dell'autopsia svolta sul corpo della 35enne di Stabio ritrovato nei boschi del Gaggiolo, a ridosso del confine con la Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 ottobre 2016 - 10:41

La morte del Gaggiolo sarebbe stata causata da un "edema polmonare".

L'autopsia svolta lunedì su disposizione del sostituto procuratore di Como Massimo Astori sul corpo della 35enne insegnante di Stabio trovato a Rodero, scrive martedì Il Giorno, ha stabilito che la donna sarebbe morta per edema polmonare, ma cosa l'abbia causato è ancora da stabilire.

Gli accertamenti tossicologici in corso dovranno stabilrie se ci sono tracce di stupefacenti, farmaci o veleni. L'esito di questi test è atteso tra alcuni giorni.

Intanto le indagini proseguono. In Italia è stato analizzato il luogo del ritrovamento del corpo. In Ticino invece la polizia ha sentito i parenti ed il fidanzato della donna.

joe.p.

Contenuto esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.