Navigation

Niente più "scusi, posso usare il bagno?"

Quanti caffè bevuti controvoglia, per poter usare i servizi (immagine d'archivio). Keystone

Locarno potrebbe diventare la prima città a sud delle Alpi con una rete di bar e ristoranti che mettono a disposizione i servizi igienici senza obbligo di consumazione. Una prestazione per la quale il Comune è disposto a versare un contributo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 febbraio 2018 - 20:20
tvsvizzera.it/ri con RSI (Quotidiano del 09.02.2018)

Molti esercenti concedono l'uso dei bagni spontaneamente, o perlomeno chiudono un occhio durante le manifestazioni con forte affluenza. Ma se il servizio fosse istituzionalizzato, tutti sarebbe più semplice.

Come a Bienne, città bilingue tra la Svizzera francese e tedesca, dove turisti e abitanti possono consultare la mappa delle toilette a libero accesso e passeggiare sereni. 

L'iniziativa si chiama Die nette Toilette - Toilettes accueillantesLink esterno. Nessun caffè bevuto controvoglia, nessun malinteso se ci si dirige verso i bagni prima di passare dal bancone.

Contenuto esterno


L'idea, per Locarno, è stata lanciata da una commissione di quartiere. Gli esercenti, premesso che il Comune potrebbe in qualche modo indennizzarli, non sono tutti contrari. Ma il timore che la clientela, poi, si fermi solo per andare in bagno c'è.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.