Navigation

Alla sbarra i promotori di sedicenti università

Ex direttore e coordinatrice amministrativa negano ogni addebito. RSI-SWI

Un 60enne e una 48enne italiani, ex responsabili della scuola privata IPUS di Chiasso, sono a processo da martedì alle Assise criminali di Lugano. Accusati di reati legati alla truffa e alla cattiva amministrazione, negano ogni addebito.

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 ottobre 2018 - 20:40
tvsvizzera.it/ri con RSI (Quotidiano del 30.10.2018)

L'uomo era direttore della sedicente università IPUS. La sua ex compagna, segretaria con compiti di coordinamento amministrativo. Compaiono alla sbarra per una storia di lauree inesistenti e per un buco da oltre un milione di franchi.

Nell'estate 2016, quando l'Istituto era indagato per l'abuso del termine 'universitario', emerse che molti dipendenti non ricevevano il salario da mesi.

Gli studenti, in gran parte italiani cui era stato promesso che avrebbero conseguito in Svizzera una laurea riconosciuta in Europa, denunciavano invece di aver pagato per prestazioni non ricevute.

Il "bis" nei Grigioni

Decretato il fallimento della scuola, gli imputati non rinunciarono tuttavia all'attività: riaprirono come Unipolisi a Disentis, nel canton Grigioni.

È così, a fine 2017, fioccarono nuove denunce che sfociarono nell'arresto dei due, che sostengono ora di essere stati fraintesi, riguardo al partenariato con atenei albanesi, rumeni e sloveni.

Contenuto esterno

Quanto al milione di franchi sottratto alle casse, sostengono di aver speso il denaro a scopo promozionale, con la volontà di far crescere l'attività. Il dibattimento prosegue mercoledì.

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?