Navigation

Imprese italiane in Ticino, non è tutto oro quel che luccica

Il sindacato OCST denuncia rischi di precarietà e dumping salariale

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 agosto 2014 - 20:37

Aumenta il numero di aziende italiane in Ticino, attive soprattutto nel settore terziario. Una manna per il cantone, dal profilo fiscale e del prodotto interno lordo, ma dietro a questa tendenza si celano molte insidie, come ha sottolineato il Sindacato cristiano-sociale (OCST). Come dimostrano anche recenti fatti di cronaca che hanno svelato micro realtà di estrema precarietà e salari bassissimi. Intanto per autunno si sapranno i risultati della campagna condotta da Chiasso per attrarre imprese italiane.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.