Navigation

Illegalità o creatività un po' scorretta?

Manodopera e padroni d'oltreconfine al lavoro in Valposchiavo, non sempre con tutte le carte in regola. Per gli imprenditori valligiani i controlli sarebbero inefficienti

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 novembre 2014 - 20:42

In Valposchiavo la locale Associazione artigiani e commercianti ha organizzato una serata pubblica sul tema dei controlli sulla manodopera e sui padroni d'oltreconfine, i quali, pare, non siano sempre in regola.

Nei settori industria, artigianato e commercio non è che regni sovrana l'illegalità. Complici le difficoltà economiche non sono però pochi coloro che danno prova di una creatività scorretta, difficile da accertare e sanzionare.

Gli imprenditori valposchiavini esigono che la concorrenza sia leale. Chiedono più controlli doganali ed esortano ad accantonare l'omertà per denunciare le scorrettezze.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.