Navigation

Il commercio al dettaglio vale oltre un quinto del PIL

Secondo uno studio dell'Usi, il settore contribuisce per il 22% al prodotto interno lordo del Canton Ticino e dà lavoro a 11700 addetti con 505 apprendisti

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 febbraio 2015 - 20:03

Mentre la politica cantonale non riesce a decidere della nuova legge sull'apertura dei negozi, il settore del commercio al dettaglio mette in campo i suoi numeri. Cifre che emergono da uno studio sul settore elaborato dall'Università della Svizzera italiana e ne attestano l'importanza per l'economia ticinese. Cifre messe a rischio dall'abbandono del cambio fisso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.