Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Giovanni Cuzari fermato per corruzione e riciclaggio

Il patron della scuderia Forward Racing avrebbe ottenuto trattamenti di favore dal capoufficio dell'Ispettorato fiscale del Canton Ticino; arrestati entrambi

Il Ministero pubblico del Canton Ticino ha ordinato lunedì l'arresto provvisorio di Libero Galli, capoufficio dell'Ispettorato fiscale. Avrebbe consentito, in cambio di denaro o favori, tassazioni più favorevoli a due società di un dirigente sportivo.

Secondo informazioni della RSI, si tratta del 48enne italiano residente a Lugano Giovanni Cuzari, patron della scuderia Forward Racing di Agno, che corre nelle categorie Moto GP e Moto 2. Le indagini riguardano la Forward e la Media Action, l'agenzia pubblicitaria della scuderia.

I due, sentiti in nella giornata di martedì da polizia e dal procuratore generale John Noseda, hanno ammesso gli incontri, le consulenze da parte di Galli e le regalie, legate al mondo della moto, da parte di Cuzari. Negano però che vi siano stati pagamenti in denaro. I regali ricevuti sono però sufficienti, secondo Noseda, per ipotizzare il reato di corruzione.

C'è poi un secondo filone, legata al solo Cuzari. La Procura sospetta che nella Forward siano confluite dall'Italia sponsorizzazioni fittizie e denaro proveniente da frodi carosello sull'IVA. Il tutto per milioni di franchi. Da qui, a carico di Cuzari, anche l'accusa di riciclaggio aggravato [video sopra].

La notizia ha raggelato l'ambiente a Palazzo del governo a Bellinzona. A parlare del caso è il presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi.

subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×