Navigation

Frontiere e muri, percezioni diverse nella stessa Svizzera

Incontro a Bellinzona sulle differenti politiche transfrontaliere nelle varie regioni della Confederazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 aprile 2016 - 20:10

Con la globalizzazione le frontiere sono divenute sempre più virtuali e i territori tendono a interagire più intensamente. Ma la percezione del fenomeno, su cui si è discusso a Bellinzona nel quadro dell'incontro sulle politiche transfrontaliere in Svizzera organizzato dal Club Plinio Verda, non fa l'unanimità.

C'è chi infatti chi teme l'evoluzione in atto e vorrebbe tornare indietro e chi invece vede nell'abbattimento dei muri un'opportunità. In altre regioni della Svizzera come il Giura, è stato sottolineato, si è saputo forse mettere in campo un'efficace strategia a livello di innovazione tecnologica e formazione che sta dando i suoi frutti.

Mentre forse più a sud, è stato osservato con un certo stupore dagli ospiti d'oltr'Alpe, prevalgono ancora atteggiamenti di chiusura ed arroccamento.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.