Navigation

Rottami radioattivi bloccati alla dogana di Ponte Chiasso

Il valico fotografato da Ponte Chiasso. Keystone / Matteo Bazzi

Un carico di rottami metallici proveniente dalla Svizzera "che presentava livelli anomali di radioattività" è stato scoperto mercoledì dai doganieri italiani a Ponte Chiasso grazie al controllo di una scheda di circolazione.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 marzo 2021 - 17:36

A causa della radioattvità  è stato attivato immediatamente il protocollo di sicurezza previsto per questi casi, precisa mercoledì l'Agenzia italiana Dogane e Monopoli (ADM), citata dalle agenzie di stampa italiane.

Il carico è stato isolato in un'area ben delimitata e interdetta al personale non qualificato e sono state allertate tutte le autorità competenti in materia di sicurezza e tutela ambientale e della popolazione. Il prefetto di Como, su conforme parere dell'Agenzia Regionale per l'Ambiente (Arpa) ha deciso il suo respingimento.

I doganieri hanno disposto la sua rimozione dagli spazi doganali italiani, preavvertendo delle operazioni l'omologa autorità svizzera, allo scopo di far movimentare il carico il più velocemente possibile anche dai contigui spazi elvetici, conclude l'Agenzia Dogane e Monopoli.

tvsvizzera.it/Zz/ats/ansa 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.