Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Frontalieri clandestini vivevano in un capannone vicino a Luino

La polizia individua 17 illegali alloggiati in un fabbricato che di giorno lavoravano in nero sui cantieri ticinesi

Diciassette frontalieri illegali, attivi nel Canton Ticino, sono stati individuati in un capannone in disuso nel corso delle operazioni di evacuazione per le piene degli scorsi giorni a Germignaga, nei pressi di Luino. Il fabbricato è risultato di proprietà del titolare di un'impresa svizzera. Gli operai, cittadini italiani, rumeni e polacchi, di giorno entravano in Ticino dove lavoravano in nero sui cantieri su cui era attiva la ditta edile in questione. Oltre al responsabile dell'azienda, di nazionalità italiana, gli inquirenti stanno esaminando la posizione di un cittadino svizzero, che potrebbe aver aiutato l'imprenditore a reclutare i lavoratori illegali con modalità tipiche del caporalato.

×