Navigation

Frontalieri, Lara Comi intende denunciare il Ticino alla Corte di Giustizia

L'europarlamentare varesina profilo facebook

L’europarlamentare forzista attacca il governo cantonale per le sue decisioni ritenute discriminatorie nei confronti dei lavoratori pendolari italiani

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 luglio 2015 - 13:15

Le decisioni del canton Ticino sui frontalieri sono inaccettabili: porterò la questione davanti alla Corte di giustizia". Lo ha detto a Bruxelles Lara Comi, europarlamentare di Forza Italia e vice-presidente del gruppo PPE.

"Chiedere ai frontalieri italiani che lavorano in Svizzera l'estratto del casellario giudiziale e dei carichi penali pendenti è una provocazione inaccettabile", sottolinea Lara Comi, secondo la quale: "Il Ticino deve tornare sui suoi passi, è una questione di buon senso, oltre che di rispetto dell'Accordo europeo sulla libera circolazione delle persone".

La 32enne forzista varesina, da tempo critica nei confronti della Svizzera e in particolare del Ticino sul fronte del frontalierato, annuncia che porterà "nuovamente la questione complessiva al Parlamento europeo, in Commissione e anche davanti alla Corte di Giustizia qualora il problema non venisse risolto". (Diem/ANSA/ATS)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.