Navigation

Frontalieri, aumentano le imposte

Via libera dal Gran consiglio ticinese all’aumento del moltiplicatore comunale medio per il calcolo dell’imposta alla fonte che passerà dal 78 al 100%. Dei 20 milioni di franchi all’anno di maggiori entrate, quasi otto saranno riversati all’Italia

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 novembre 2014 - 19:34

In Ticino i frontalieri parteciperanno al risanamento delle finanze di Cantone e Comuni. Lo ha deciso il Gran Consiglio ticinese mercoledì pomeriggio. Più entrate dunque per il Cantone il prossimo anno grazie all'imposta alla fonte dei frontalieri . Ad essere chiamati maggiormente alla cassa saranno gli oltre 55 mila contribuenti che ogni giorno varcano il confine per lavorare in Ticino. Il Gran Consiglio ticinese ha dato il via libera all'aumento del moltiplicatore comunale medio per il calcolo dell'imposta alla fonte che passerà dal 78 al 100%. Viene così tradotta in legge l'iniziativa parlamentare.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.