Navigation

Fedina penale anche per lavoratori distaccati

Per il Gran Consiglio ticinese, oltre a dimoranti e frontalieri, chiunque voglia lavorare in Svizzera dovrebbe presentare il casellario giudiziale

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 settembre 2015 - 21:26

Il Gran Consiglio ticinese ha approvato mercoledì due risoluzioni per chiedere all'Assemblea federale di modificare gli accordi sulla libera circolazione con l'Unione europea, affinché chi viene a lavorare in Svizzera debba presentare il casellario giudiziale.

La misura, se avallata da Berna, riguarderà quindi chi chiede un permesso di dimora (permesso B), i frontalieri (permesso G) ma anche -questa la novità, rispetto alla proposta originaria della Lega- i lavoratori distaccati, impiegati temporaneamente nel Paese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.