Navigation

Epatite C, condannato l'Ente ospedaliero

Pagherà per le infezioni causate da un suo ignoto dipendente a tre pazienti tre anni fa durante un esame per la TAC. Si chiama responsabiltà di impresa

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 novembre 2016 - 19:17

Lesioni colpose gravi e carenze organizzative. L'Ente ospedaliero cantonale è stato condannato a una multa di 60mila franchi nel processo per le infezioni da epatite C contratte da alcuni pazienti durante un esame al Civico di Lugano.

Nella sentenza, il giudice ha sottolineato che nella vicenda sono stati disattesi i principi della legge sanitaria, in particolare quello della trasparenza tra paziente e operatore sanitario.

È stata quindi in gran parte accolto l'atto d'accusa formulato dal procuratore generale John Noseda. La giustizia civile si dovrà inoltre pronunciare sulle richieste di risarcimento avanzate alle vittime.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.