Navigation

Due falsi allarmi bomba a Lugano

Una borsa in chiesa e un'altra in Via delle Aie creano apprensione e la polizia cantonale chiama gli artificieri a Zurigo

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 marzo 2016 - 19:34

La psicosi attentati non risparmia nemmeno la tranquilla Svizzera italiana. A creare una certa tensione sono state due borse incustodite in centro a Lugano. Un primo allarme è partito alle 9.30 su segnalazione di una persona che avendo notato un pacco nella chiesa di San Rocco ha avvertito le autorità.

Nella tarda mattina una borsa è individuata nei pressi di Via Ciani e la zona è stata chiusa al traffico. La polizia cantonale non intende prendere rischi e convoca una squadra di artificieri a Zurigo che dopo due ore sono in Ticino. Con l'ausilio di uno speciale robot viene accertato che nelle due borse non c'è traccia di esplosivo e che si è trattato solo di falsi allarmi. Ma anche questo è indice di un certo disagio avvertibile anche da noi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.