Navigation

Due arresti ai vertici di Duferco

Fermati in Belgio per un affare di tangenti in Congo, il CEO e un altro dirigente della multinazionale dell'acciaio con sede a Lugano rigettano le accuse di corruzione

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 marzo 2015 - 19:56

Due dirigenti del Gruppo Duferco sono stati arrestati in Belgio, dove si erano recati per testimoniare nell'ambito di un'inchiesta su un affare di tangenti nella Repubblica democratica del Congo. Accusati di corruzione, si dichiarano estranei ai fatti. Entro cinque giorni il giudice dovrà pronunciarsi sulla domanda di scarcerazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.