Navigation

Dopo la mozione, una petizione per portare l'Esercito a Varese

Dopo il sì in Consiglio comunale, Nicoletti lancia la raccolta di firme online per chiedere ai cittadini se vogliono i militari in città

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 giugno 2015 - 10:11

Dopo la mozione, arriva la petizione per chiedere al Governo italiano di mandare l'Esercito a Varese con funzioni di polizia: Alessio Nicoletti, consigliere comunale del Movimento Libero, l'ha depositata online. È possibile sottoscriverla da venerdì scorso.

Dopo le parole della politica, che con il voto a maggioranza in Consiglio comunale ha fatto chiaramente capire che è ora di dire basta a una serie di atti vandalici in città - se necessario anche con l'arrivo dell'esercito - Nicoletti invita gli abitanti a manifestare il loro pensiero su una richiesta che ha fatto il giro d'Italia.

"L'iniziativa, ha detto il politico varesino a Tvsvizzera.itLink esterno, ha l'obiettivo di sensibilizzare il Governo Italiano affinché accolga le richieste approvate dal Consiglio comunale di Varese sul tema della sicurezza e noi pretendiamo che Renzi e i suoi rispondano a questa richiesta. Non siamo Scampia", ha proseguito, "ma forse vedere divise in città, in punti come le stazioni ferroviarie o piazza Repubblica, teatro di scontri, di atti notturni e diurni talvolta inqualificabili, potrebbe migliorare e di molto non solo la percezione ma anche la reale sicurezza di tutti noi."

Le opposizioni non hanno votato la mozione e non intendono avallare la petizione in un clima che a Varese qualcuno considera sempre più elettorale, da una parte e dall'altra. Dai referenti dello Stato sul territorio della provincia di Varese si dice poco o nulla, anche se il Prefetto Giorgio Zanzi ha più volte ribadito il buon operato delle forze dell'ordine presenti ed impegnate in Città.

sdr

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.