Navigation

DISTI: il contratto collettivo non serve

L'associazione ticinese della grande distribuzione rifiuta l'idea di ancorare la nuova legge sui negozi a un contratto obbligatorio

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 giugno 2014 - 18:07

Il parlamento cantonale aveva rinviato la nuova legge sui negozi, su proposta dell'ala sindacale del Partito popolare democratico di ancorare il progetto a un nuovo contratto collettivo obbligatorio. La DISTI -Associazione ticinese della grande distribuzione- non ne vede la necessità.

Il servizio è di Michele Realini.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.