Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Disoccupazione in calo, nonostante il franco forte

In Ticino, 600 disoccupati in meno di giugno 2014; in un mese, 50 nuove assunzioni nel commercio; al contempo più persone chiedono assistenza sociale

In una realtà economica che soffre il cambio franco-euro, le cifre attestano un mercato del lavoro in salute. La disoccupazione, in Ticino, è in calo anche nei settori che si temevano penalizzati dal franco forte come quello del commercio, che conta 100 nuove assunzioni rispetto a un anno fa. Una cinquantina nell'ultimo mese, stando ai dati della Sezione del lavoro.

Il dato complessivo, in Ticino, è di 5'325 disoccupati contro i quasi 6'000 del giugno 2014; oltre 600 in meno. Una flessione in controtendenza con la media Svizzera, che tra maggio e giugno di quest'anno vede la disoccupazione calare dello 0,1%, ma crescere di 0,2 punti percentuali rispetto allo stesso periodo di un anno fa.

Se diminuisce la disoccupazione, aumentano invece i casi in assistenza. A fine maggio erano 7'000 le persone al beneficio di un aiuto in Ticino, 4'800 economie domestiche. Ogni mese giungono al Cantone circa 200 nuove domande d'assistenza. Nel primo semestre 2015 circa 1'150.

Sul calo della disoccupazione, economisti e padronato parlano di segnale positivo e sorprendente ma avvertono: "Le difficoltà permangono". L'analisi è di Luca Albertoni, direttore della Camera di commercio del Canton Ticino, e Moreno Baruffini, ricercatore dell'Istituto ricerche economiche dell'Università della Svizzera italiana.

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×