Navigation

Le zone rosse pesano sulle zone di confine

Keystone / Ennio Leanza

Le chiusure in Lombardia e Piemonte si riflettono negativamente anche sull'economia delle zone di confine della Svizzera italiana.

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 novembre 2020 - 21:06
tvsvizzera/spal con RSI (Quotidiano del 28.11.2020)

L'assenza di clienti e lavoratori, soprattutto sul mezzogiorno, sta pesando sul settore della ristorazione e del commercio al minuto. Ma anche diversi imprenditori devono fare a meno di dipendenti provenienti dalle province vicine dove è stata decretata la zona rossa.

Sono spesso solo i grandi distributori, più all'interno, che si avvantaggiano della crisi del turismo della spesa oltre confine.

Il servizio del Quotidiano

Contenuto esterno

Per questo motivo le autorità di Chiasso hanno deciso di adottare una serie di misure per sostenere l'economia locale.

La speranza si concentra quindi su possibili allentamenti nel corso delle prossime settimane e sulla ripresa delle vendite durante il periodo cruciale delle feste di fine anno per poter ribaltare l'andamento degli affari. Ma su molte piccole attività aleggia lo spettro della chiusura definitiva.

tvsvizzera/spal con RSI (Quotidiano del 28.11.2020)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.