Navigation

Edilizia, multata una ditta straniera su due

RSI-SWI

Nel 2017, delle imprese estere attive sui cantieri in Ticino, una su due è incappata in infrazioni. Lo rende noto l'Associazione interprofessionale di controllo, che denuncia un "trucco" cui fanno ricorso alcuni padroncini.

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 aprile 2018 - 20:35
tvsvizzera.it/ri con RSI (Quotidiano del 06.04.2018)

La pressione sui cantieri rimane alta. Aumentano però le ispezioni e anche il numero di abusi smascherati. Lo scorso anno, sulle ditte estere che hanno effettuato lavori in Ticino, ne sono state controllate tre su quattro.

I dati presentati venerdì dall'Associazione interprofessionaleLink esterno parlano di: quasi 200 mancate notifiche, oltre 400'000 franchi di multe, più di 200 divieti di lavorare in Svizzera emanati. Le infrazioni contrattuali segnalati dalle apposite CommissioniLink esterno: 580.

Contenuto esterno


Quanto alle imprese più piccole, non è raro che facciano assumere il loro personale dalle locali agenzie di collocamento, per aggirare l'obbligo di notifica. Dinamiche che mascherano la reale entità dell'impiego sui cantieri.

È anche per questo -e non solo per il rallentamento nell'edilizia o le condizioni poste dalla Legge sulle imprese artigianaliLink esterno LIA- che nel 2017 si è registrato un calo di padroncini e distaccati.

L'Associazione ha chiesto alla Segreteria di Stato per l'economia SECO di valutare come intervenire. Lo schieramento contro gli abusi appare compatto: sindacati e padronato con il supporto della polizia e delle Guardie di confine.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.