Navigation

Come ti tarocco una Ferrari

Scoperto in dogana a Como un clone di una F360 Modena, costruito sulla base di una Toyota, destinato alla Macedonia

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 giugno 2016 - 21:18

Le Ferrari, solitamente, ce le immaginiamo rosse e scintillanti, con il motore che romba anche a basso regime. Quella che oggi, lunedì 6 giugno, è stata sequestrata al valico commerciale di Ponte Chiasso (Como) era tutt'altro, tanto da dare nell'occhio alla guardia di finanza, che dopo un controllo della fuoriserie ha scoperto l'arcano: si tratta di una Ferrari falsa.

L'automobile, spiegano le fiamme gialle, è un clone di una F360 Modena, in fase di assemblaggio sulla base meccanica di una Toyota MR2, e stava per essere introdotta in Italia, caricata su un camion proveniente dalla Svizzera. I finanzieri, assistiti dai tecnici della casa del cavallino rampante, hanno dunque appurato che il veicolo era contraffatto, essendo realizzato appunto sul telaio della vettura giapponese.

Il bolide, tarocco al cento per cento, era destinato alla Macedonia, dove sarebbe probabilmente stato usato come matrice per la costruzione di altri cloni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.