Navigation

Campus ticinesi: le nuove strutture, i finanziamenti

Il Governo presenta la proposta per USI e SUPSI: il 27% dei costi sarà coperto da Berna, il 20% dal Cantone

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 luglio 2014 - 22:10

Il Consiglio di Stato ha presentato lunedì la sua proposta di finanziamento dei nuovi campus dell'Università della Svizzera italiana (USI) e della Scuola universitaria professionale (SUPSI) a Lugano Viganello, Lugano Stazione e Mendrisio Stazione.

Queste nuove strutture sono necessarie perché il numero di studenti in entrambi gli istituti è in constante aumento. Il campus di Lugano Viganello ospiterà la facoltà di informatica e la Master medical school dell'USI e il Dipartimento di tecnologie innovative della SUPSI. Gli altri due saranno invece interamente occupati dalla SUPSI.

Per quanto riguarda i costi, sono stimati a un massimo di 265 milioni di franchi, di cui il 27% sarà finanziato da Berna e il 20% dal Cantone. Il Consiglio di Stato si è anche proposto come banca: fornirà il resto del denaro sotto forma di prestito, evitando così ai due istituti la fluttuazione del tasso d'interesse nel tempo.

RedMM/CSI/mrj

Tutte le notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.