Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Cacciavano zombie nei boschi del Comasco, un denunciato



La zombie walk, evento seguitissimo

La zombie walk, evento seguitissimo

(da Youtube)

Tre informatici con armi e tute mimetiche volevano emulare i protagonisti del videogioco Resident Evil, ma con qualche arma di troppo...

La polizia di frontiera li ha bloccati a pochi metri dalla dogana di Ponte Chiasso con l'auto, una Mercedes targata in Ticino, piena di armi e abbigliamenti militari. Ma non si tratta di tre criminali: si tratta infatti di un 40enne informatico residente nel Luganese che si apprestava con due colleghi comaschi a una delicata operazione di caccia agli zombie nei boschi a ridosso del confine, una zona notoriamente infestata da questo tipo di inquietanti personaggi.

Agli agenti hanno spiegato di voler scattare alcune foto mentre emulavano i protagonisti del videogame "Resident Evil" e successivamente intendevano celebrare le loro gesta nei forum e nelle pagine web dei fan di questo gioco, dove paramilitari affrontano ed eliminano orde di morti viventi.

Con loro avevano tute mimetiche, maschere di zombie, due coltelli, tre proiettili e una carabina non funzionante risalente alla Prima guerra mondiale, come riferito da La Provincia di Como. Il fucile e le pallottole sono stati sequestrati dalla polizia e l'informatico residente in Ticino denunciato per porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere ed armi da guerra.

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×