Navigation

Attuato il piano di austerità alla Radiotelevisione svizzera

Fanno discutere le modalità dei tagli della RSI, annunciati ad ottobre e attuati da lunedì. Il sindacato parla di dipendenti "scortati all'uscita, trattati come delinquenti", ma la Direzione smentisce

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 gennaio 2016 - 19:54

La riduzione dei posti di lavoro rientra nel pacchetto di risparmi che ha toccato l'intera SSR, società Svizzera di Radiotelevisione per 40 milioni di franchi. Per la RSI era stata quantificata in 49 unità a tempo pieno su 1'185, tra prepensionamenti, licenziamenti e non sostituzioni.

Da lunedì le comunicazioni più dolorose: quelle date direttamente ai dipendenti della RSI che hanno perso il posto di lavoro e a coloro a cui è stata ridotta la percentuale di impiego. I licenziamenti riguardano 18 persone. Il sindacato svizzero dei mass media e Impressum, rappresentata nella Svizzera italiana dall'associazione ticinese dei giornalisti, in un comunicato stampa, ha definito scandalose le modalità con le quali sono stati attuati i licenziamenti e non esitano a parlare di dipendenti "trattati come delinquenti", ma la Direzione smentisce.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.