Navigation

Arrestati per aver raggirato un paraplegico in Italia

L'ideatore della Swisskar, che prometteva la ricarica delle auto elettriche grazie a una tecnologia innovativa, è finito in carcere a Pavia

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 dicembre 2015 - 19:20

Hanno usato il miraggio di poter tornare a camminare per farsi consegnare un milione di euro da un 27enne milanese, restato paralizzato dopo un incidente. I protagonisti del presunto raggiro, finiti in manette in Italia, avevano più di un legame con la Svizzera italiana.

Alberto Bordino, 49 anni, negli scorsi anni aveva infatti affittato un capannone a Lostallo, dove sviluppare un'auto elettrica in grado di ricaricarsi da sola. Un altro dei protagonisti figura invece come direttore di una società luganese. Inoltre il fantomatico intervento doveva essere realizzato in una clinica svizzera.

Nel corso dell'inchiesta è pure spuntato un conto svizzero, sul quale sono depositati 960'000euro, che gli inquirenti sospettano siano provento delle truffe.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.