Navigation

Arese Shopping Center, un mese all'apertura del "mega" centro commerciale italiano

Costato 220 milioni di euro, il nuovo centro commerciale sarà il più grande d'Italia e tra i più vasti di tutta Europa

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 marzo 2016 - 12:47

È ormai deciso: il 14 aprile lo shopping center di Arese aprirà le porte agli oltre 15-18 milioni annui di visitatori stimati. In queste ultime settimane che ancora mancano al giorno dell'inaugurazione del centro commerciale più grande d'Italia e tra i più vasti d'Europa, oltre 2.000 operai sono ancora sull'immenso cantiere per finire tutti i lavori ancora in sospeso.

Cantiere (costato circa 220 milioni di euro….) che sorge dalle "ceneri" di quello che fu a lungo uno dei fiori all'occhiello dell'industria automobilistica italiana, lo stabilimento Alfa Romeo. Il progetto dell'Arese Shopping Center è stato realizzato da Davide Padoa, Ceo di Design international, che ha pensato a disegnarlo come una città, con le abitudini e i gusti dei suoi cittadini e turisti in mente", dichiara Padoa che ad Arese è cresciuto e dove il destino lo ha riportato, come architetto di fama internazionale, a occuparsi del riuso di un'area così significativa per la storia dell'intero territorio.

Il percorso commerciale è stato riempito di contenuti. Ci sarà un ipermercato, ci sarà un'area fashion, ci sarà un'area food. Moltissimi i ristoranti al primo piano, collegati con una rampa elicoidale al mezzanino e al piano terra: una sorta di Guggenheim newyorkese ispirato all'arte del cibo. Infine il percorso esterno, un vero e proprio giardino con chioschi e ristoranti, piste ciclabili, giochi per bimbi e attività legate allo sport, ai motori e alla salute. E in arrivo, un ipermercato e 200 negozi di gran parte delle più note catene fashion e di moda low-cost, che sperano nel successo dell'iniziativa.

Fra poco più di un mese dunque il taglio del nastro. Noi intanto, in anteprima, abbiamo visitato il cantiere e proprio con l'architetto che lo ha disegnato.

Claudio Moschin

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.