Navigation

Mendrisiotto: "non lasciateci soffocare"

Contenuto esterno

Quarantadue tra consiglieri comunali e municipali del Mendrisiotto, di tutte le aree politiche, hanno sottoscritto un appello al Consiglio di Stato (governo cantonale) perché elabori con massima priorità strategie di miglioramento della qualità dell’aria a lungo termine, targhe alterne e domeniche senz’auto comprese.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 febbraio 2017 - 20:40
tvsvizzera.it/ri con RSI (Quotidiano del 04.02.2017)

L’appello è partito da Chiasso, dove a esprimere malcontento sull’operato del governo in occasione della recente emergenza polveri fini sono stati cinque consiglieri comunali, uno per partito. Stimano che le misure anti-inquinamento (limite di 80 km/h in autostrada e trasporti pubblici gratuiti) siano state introdotte in ritardo rispetto al superamento dei valori di PM10, e ne deplorano il ritiro dopo sole 48 ore.

“Non lasciateci soffocare” è dunque l’appello, proposto dai verdi ma attorno al quale si è subito creato un fronte trasversale, che ora cercherà altre adesioni in tutti i comuni della Regione per spingere il governo a operare scelte più incisive a favore della salute della popolazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.