Navigation

Alla ricerca del lavoro perduto

Contenuto esterno

'Patti chiari', trasmissione integrale del 1° maggio 2015

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 maggio 2015 - 14:21

Non sanno più a che santo votarsi. Vorrebbero lavorare ma per loro non c'è posto. E allora si rivolgono alla trasmissione 'Patti chiari'. Non vogliono arrendersi all'idea che per loro il lavoro non sia un diritto.

Le hanno provate tutte, ma hanno offerto loro paghe da fame, condizioni improponibili, orari assurdi e di fronte a condizioni di lavoro ingiuste chiedono giustizia. Ma a chi?

'Patti chiari' racconta il mercato del lavoro ticinese, le sue disfunzioni, i suoi stipendi, i suoi metodi di assunzione e di esclusione dei cittadini attraverso le disavventure di chi ogni giorno cerca un posto di lavoro che non trova, se non a condizioni che risultano inaccettabili. Condizioni di cui 'Patti chiari' va a chiedere conto ai datori di lavoro che le hanno proposte.

E tra le lamentele più ricorrenti c'è sempre la stessa: i datori di lavoro preferiscono i frontalieri ai domiciliati, perché possono pagarli meno. Ma sarà proprio vero?

'Patti chiari' ha fatto un test senza precedenti per rispondere a questa domanda e di seguito trovate I RISULTATI COMPLETI DI QUESTO TESTLink esterno

Entrambe le ragazze ricevono 21 risposte, perfetta parità quindi, anche se la frontaliera resta leggermente in vantaggio per avere ricevuto due risposte interlocutorie (vedremo…) contro una sola ricevuta dalla svizzera.

Alla fine, comunque, nessuna delle due ha trovato un lavoro.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.