Navigation

Accordo sui frontalieri, un passo avanti

Delegazione ticinese nella capitale federale per discutere sull'accordo sull'imposizione dei frontalieri con il governo. La firma dell'accordo dovrebbe avvenire entro fine giugno

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 gennaio 2015 - 19:22

Il Canton Ticino nuovamente in trasferta a Berna, questa volta su invito della Consigliera federale Eveline Widmer Schlumpf. Sul tavolo l'accordo d'imposizione fiscale dei frontalieri che potrebbe svincolarsi dalla clausola ghigliottina del 9 febbraio.

Per siglare l'accordo, il Canton Ticino sarà però verosimilmente chiamato a sacrificare la decisione del Gran consiglio, che a novembre aveva portato il moltiplicatore comunale per il calcolo dell'imposta alla fonte dei frontalieri al 100%. Un aumento già ritenuto inaccettabile per la parte italiana che vuole mantenerlo al livello precedente. Se così fosse, in base alla prospettiva di una tassazione ordinaria, i comuni ticinesi si troverebbero a intascare 7 milioni di franchi in meno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.