Navigation

"Prima i nostri" a Berna

tvsvizzera

Una delegazione del Consiglio di Stato ticinese presenta "Prima i nostri" a Johann Schneider-Ammann

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 ottobre 2016 - 19:28

I ticinesi hanno espresso una chiara indicazione a favore dell'introduzione dellapreferenza indigena: è quanto ribadito oggi (giovedì) a Berna da unadelegazione del Consiglio di Stato ticinese, che ha incontrato il presidente della Confederazione Johann Schneider-Ammann, i segretari di Stato Jacques de Watteville e Mario Gattiker e il responsabile del settore sorveglianza del mercato del lavoro Rolf Gerspacher. La messa in pratica dell'articolo 121a della Costituzione federale, nella versione accolta dal Nazionale, è in questo senso ritenuta poco incisiva, hanno ricordato i rappresentanti del Governo cantonale.

Il faccia a faccia è servito a Paolo Beltraminelli, Christian Vitta e Norman Gobbi,accompagnati dal cancelliere Arnoldo Coduri e dal delegato per le relazioni esterne Francesco Quattrini, per un aggiornamento sui temi di attualità, primi fra tutti gli esiti delle votazioni del 25 settembre sulle iniziative "Prima i nostri" e "Basta con il dumping salariale in Ticino": sono stati esposti i possibili scenari per l'applicazione della prima, che il mese prossimo saranno valutati dal Gran Consiglio, e del controprogetto alla seconda, con il quale si punta a combattere più efficacemente gli abusi.

rsi/newsLink esterno/pon

Johann Schneider-Ammann keystone

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.