Navigation

"Indignati e amareggiati"

La copertina di Charlie Hebdo - con ritratto ancora una volta il profeta Maometto - ha suscitato reazioni negativa anche nella comunità islamica in Ticino

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 gennaio 2015 - 09:34

Un insulto. È stato definito così in buona parte del mondo islamico il nuovo numero di Charlie Hebdo con il profeta Maometto in copertina. Hanno reagito ufficialmente, tra gli altri, l'Iran e il Gran Mufti di Gerusalemme, mentre un tribunale turco ha deciso il blocco di alcuni siti internet. Ed è l'indignazione a prevalere anche nella comunità islamica nella nostra regione. Mattia Coste ha raccolto la reazione di Slaheddine Gasmi, presidente della Lega dei musulmani in Ticino.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.