Navigation

"In Ticino troppi migranti"

Il consigliere di stato ticinese Norman Gobbi tipress

Il Consigliere di stato ticinese Norman Gobbi si chiede se non sia il caso di vietare l’accesso ai richiedenti l’asilo

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 giugno 2015 - 16:44

"Dobbiamo porci delle domande di fondo e chiederci se in futuro saremo ancora in grado di gestire un flusso così importante di migranti o se non sarà il caso di rimandarli sui loro passi, affinché aprano una procedura per la richiesta d'asilo in Italia da dove arrivano". Si esprime così il ministro ticinese Norman Gobbi ai microfoni della RSI, sollecitato sul tema della pressione al confine sud.

"La Svizzera sta svolgendo il lavoro che toccherebbe a Roma. È l'Italia che avrebbe dovuto procedere con l'accertamento dell'identità e degli aspetti di sicurezza e sanità legati a queste persone, evitando che vadano in giro senza un documento di identità", ha aggiunto il capo del Dipartimento delle istituzioni ticinese.

In merito all'apertura provvisoria di nuovi centri di accoglienza in Ticino, il consigliere di Stato afferma: "Alcuni comuni hanno già espresso reticenze e questo andrà tenuto in considerazione".

CSI/ludoC

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.