Navigation

"Frontalieri valvola di sfogo"

"Valvola di sfogo" tvsvizzera

Il responsabile lavoro della SECO: "I posti di lavoro persi in Ticino sono quelli dei non residenti"

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 novembre 2016 - 15:46

Stando ai dati SECO (non da tutti ritenuti però sufficienti a dare una giusta dimensione al fenoemno) il tasso di disoccupazione in Ticino, malgrado un leggero aumento nella rilevazione mensile (passata dal 3,2% di settembre al 3,4 di ottobre), resta sostanzialmente stabile (-0,2% su base annua). Stabilità mantenuta tale anche grazie alla fluttuazione dei posti di lavoro occupati dai frontalieri. Lo sostiene il responsabile della divisione del lavoro della Segreteria di Stato dell'economia (SECO), Boris Zürcher, ai microfoni dell'RG.

"Dal 2013 in Ticino si osserva una costante diminuzione del tasso di disoccupazione, anche se la percentuale è partita da un livello relativamente elevato - ha dichiarato Zürcher -. In particolare sembra che i posti di lavoro persi siano quelli occupati dai frontalieri che, in Ticino, hanno assunto una sorta di funzione di valvola di sfogo". "Il numero di frontalieri - conclude il responsabile della divisione del lavoro della SECO - si è stabilizzato in Ticino, e questo è un andamento degno di nota".

RSI/NEWS/Link esternoRG/Red.MM/M.Ang.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.