Navigation

È morta Lilli Carati

tvsvizzera

Icona sexy del cinema italiano con Gloria Guida degli anni '70, era malata da tempo

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 ottobre 2014 - 17:03

Si è spenta lunedì a 58 anni l'attrice Lilli CaratiLink esterno, icona sexy degli anni '70 che con Gloria Guida aveva popolato l'immaginario erotico degli italiani. Lilli Carati, il cui veri nome era Ileana Caravati, era nata a Varese nel 1956. Da quando si era ammalata la si vedeva sempre meno e, a quanto si è appreso, si è spenta in una struttura sanitaria a Besano nel Varesotto, dove era in cura.

«Oggi è un giorno triste. Lilli non c'è più! È andata via in silenzio, ieri notte, dopo una lunga malattia che ha combattuto fino alla fine. Ciao Lilli, prego per te». Così il regista Luigi Pastore sulla sua pagina Facebook saluta l'attrice Lilli Carati.

Nata in una famiglia di commercianti, iniziò la sua carriera nel mondo della moda, frequentando una scuola di indossatrici. La sua bellezza la fece arrivare finalista al concorso di Miss Italia 1974 che si tenne a Reggio Calabria, dove arrivò al secondo posto con il titolo di Miss Eleganza.

La Carati venne poi scritturata da Franco Cristaldi, che sedeva in veste di giurato nel concorso di bellezza. Partecipò quindi a varie pellicole di successo del filone della commedia sexy in voga in quel periodo.

Tra le sue interpretazioni si ricorda il film Avere vent'anni del 1978 diretto da Fernando Di Leo di cui era protagonista insieme a Gloria Guida. Il suo film più importante è probabilmente Il corpo della ragassa di Pasquale Festa Campanile uscito nel 1979, tratto dall'omonimo romanzo di Gianni Brera, interpretato al fianco di Enrico Maria Salerno e Renzo Montagnani, la pellicola ebbe un discreto successo presso il pubblico, pur non convincendo la critica.

I funerali dell'attrice si svolgeranno mercoledì alle 14.30 nella chiesa S.Paolo a Induno Olona, nel varesotto, dove risiedeva.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.