Prime vittime dell'uragano Una scia di devastazione dietro a Irma


L’uragano Irma ha ha devastato le isole di Barbuda e Saint Martin. La tempesta atlantica, una della più forti del secolo, ha provocato la morte di una decina di persone e si dirige ora verso Cuba e la Florida. 

Barche ammucchiate, strade sommerse, blackout e allagamenti. Le immagini girate sull’isola di Saint Martin in occasione del passaggio dell’uragano Irma raccontano cosa vuol dire ritrovarsi sulla traiettoria di quella che è stata definita “la tempesta del secolo”. 

Gerard Collomb, ministro dell’interno francese (la metà settentrionale di Saint Martin è amministrata dalla Francia), ha annunciato che almeno otto persone sono state uccise sull’isola, ma che il bilancio è destinato a salire. In totale sono attualmente almeno 10 le morti accertate provocate da Irma. 

Sull’isola di Barbuda il 90% degli edifici è andato distrutto.  Il tifone si è abbattuto su Repubblica Dominicana e Portorico, dove si sono già scatenati vento e pioggia, e prima di raggiungere la Florida nel fine settimana attraverserà anche Cuba dove è atteso nel pomeriggio di venerdì.

Secondo l'ONU Irma potrebbe colpire 37 milioni di persone. Le ultime previsioni dicono che l'intensità dell'uragano dovrebbe scendere dal livello massimo 5 al livello 4 prima di raggiungere gli Stati Uniti. L'incubo però potrebbe non finire con il placarsi della tempesta, dietro alla quale si sono formati altri due uragani.


Parole chiave