Navigation

Possibile un ritorno ai test gratuiti per tutti

Un solo partito si oppone alla misura: il PLR © Keystone / Gaetan Bally

Il Consiglio nazionale ha deciso giovedì mattina di reintrodurre i test anti-Covid gratuiti per tutti (anche per gli asintomatici, quindi). L’unico partito a opporsi q questa proposta è stato il Partito liberal-radicale (PLR).  L’ultima parola spetta ora al Consiglio degli Stati.

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 dicembre 2021 - 15:00
tvsvizzera.it/mrj

I primi a chiederlo sono invece stati gli esponenti dell’Unione democratica di centro (UDC). Le ragioni? Evitare le discriminazioni tra vaccinati e non vaccinati.

Gli oppositori al ritorno alla gratuità (il PLR compatto e i Verdi liberali in parte) lo hanno fatto per motici di principio e finanziari: “È come fumare: ognuno è libero di fumare o no. È una libertà individuale. Ma la Confederazione non è tenuta a finanziare i pacchetti di sigarette di quelli che fanno la cattiva scelta. Non vaccinarsi è una cattiva scelta”, ha dichiarato il consigliere nazionale PLR vallesano Philippe Nantermod.

Contenuto esterno

“Tre quarti dei contribuenti finanziano i costi (che sono di 20 volte superiori alla vaccinazione) di chi si fa testare. Questa non è parità di trattamento”, ha dal canto suo sottolineato il suo collega di partito sangallese Marcel Dobler.

L’aspetto finanziario è stato sollevato anche dal consigliere federale Alain Berset: secondo lui i test gratuiti per tutti rischiano di sovraccaricare i laboratori e di causare problemi alla strategia del Consiglio federale.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?