Navigation

Donne fuori dal Comune?

Contenuto esterno

Nel cantone Ticino, le donne entrano in politica con il contagocce. Come nell’economia, anche qui l’accesso ai posti di responsabilità e agli esecutivi è ancora bloccato da un soffitto di vetro. L'approfondimento della trasmissione Falò.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 aprile 2021 - 13:00
Francesca Luvini e Andrea Campiotti, Falò RSI

In Ticino solo il 16% delle poltrone municipali sono occupate da donne. Attualmente su 111 comuni soltanto 13 sono amministrati da sindache. Dove e perché si perdono per strada? E cosa porterebbe un reale equilibrio di genere?

Due anni fa - nell’anno dello sciopero delle donne - si era assistito ad una femminilizzazione dei Parlamenti, sia a livello nazionale, sia cantonale: si ripeterà questa tendenza anche nei Comuni?

A 50 anni dal diritto di votare e di essere elette e in vista delle elezioni comunali ticinesi, Falò vi racconta questa corsa ad ostacoli attraverso gli occhi di sei donne candidate ai Municipi: sei tesi e altrettanti stereotipi da sfatare.


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.