Navigation

Giovani in "sciopero" a favore del clima

Centinaia di studenti sono scesi in strada venerdì in diverse città svizzere per manifestare il loro malcontento nei confronti del "fallimento della politica climatica".

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 dicembre 2018 - 20:49
tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (TG del 21.12.2018)
Contenuto esterno


La mobilitazione è stata organizzata da un movimento giovanile indipendente non legato a partiti o sindacati e che ha preso ispirazione dalla giovane attivista svedese Greta Thunberg, il cui toccante discorso al recente Cop24 ha ottenuto un'enorme eco mediatica. 

Contenuto esterno


Una delle ragioni che hanno spinto gli alunni a "scioperare" (a Berna, San Gallo, Basilea e Zurigo) è stato anche il dibattito attorno alla nuova legge sulla riduzione dei gas a effetto serra, con cui il governo intendeva raggiungere gli obiettivi fissati dall'accordo di Parigi sul clima.

Quest'ultima è stata resa meno severa e infine affossata dopo quattro giorni di dibattito dalla Camera bassa del Parlamento elvetico.

"Questo ci ha fatto capire che la politica non intende reagire alla crisi climatica, che deve essere trattata come tale: una crisi", ha detto un manifestante alla Radiotelevisione svizzera. I giovani "non vogliono più stare a guardare mentre il pianeta viene distrutto".


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.