Navigation

Piazza ticinese condizionata da franco forte e voluntary disclosure

Leggero calo degli occupati nel settore finanziario, i capitali italiani regolarizzati sono restati in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 febbraio 2016 - 21:39

Apprezzamento del franco, voluntary disclosure e tassi negativi si sono riflettuti sull'andamento della piazza finanziaria ticinese che comunque ha sostanzialmente tenuto. A fine anno erano infatti 49 gli istituti di credito nel cantone, uno in meno dell'anno precedente mentre gli impiegati sono scesi di 41 unità a 7'096.

Sul piano finanziario si prospetta una perdita del 20% del valore dei conti e dei patrimoni in valuta estera gestiti. A tal proposito occorre sottolineare che dei 41 miliardi di contribuenti italiani emersi in Svizzera dalla voluntary disclosure solo il 23% (16 miliardi) è rientrato nella Penisola mentre i capitali restanti regolarizzati continuano ad essere amministrati nella Confederazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.