Personalità politiche Ruth Dreifuss, la prima donna presidente della Confederazione, compie 80 anni

La prima donna diventata presidente della Confederazione ha compiuto questo 9 gennaio 80 anni.  Incontriamo Ruth Dreifuss nel servizio della Radiotelevisione svizzera.


Membro del Governo dal 1993 al 2002, presidente della Confederazione nel 1999, Ruth Dreifuss è considerata la mamma della legge sull'assicurazione malattia di base (Lamal) ed è anche responsabile del modello avanguardista della distribuzione controllata di eroina.

la Lamal è nata da un'idea del suo predecessore, Flavio Cotti, ma è stata lei a battersi per la sua introduzione e attuazione. 

Oggi, il sistema è spesso fonte di accesi dibattiti, con i premi dell'assicurazione malattia in continua crescita che rappresentano una delle spese che incide maggiormente sul bilancio dei nuclei famigliari svizzeri. 

Secondo Dreifuss, la responsabilità dei costi elevati è da attribuire al libero mercato. La soluzione, a suo dire, sarebbe l'intervento statale.

Non legalizzazione, ma responsabile regolamentazione

Lo Stato, ritiene Dreifuss, dovrebbe anche adoperarsi per combattere il mercato nero della droga, un aspetto di stretta attualità negli anni '90, quando la scena aperta dello spaccio e del consumo di sostanze stupefacenti, specialmente a Zurigo, avveva reso tristemente nota la Confederazione.

La distribuzione controllata di eroina, introdotta grazie agli sforzi dell'ex presidente della Confederazione, ha permesso di salvare vite umane e mettere la parola fine alla scena aperta della droga. 

"Non mi piacciono le parole legalizzazione o liberalizzazione. Quello che bisogna fare è regolare questo mercato, con mani responsabili", dice ai microfoni della Radiotelevisione svizzera.  


Parole chiave