Navigation

Ema su vaccino Astrazeneca: "Benefici superano i rischi"

Sono stati 86 i casi di trombosi segnalati a fronte di 25 milioni di persone a cui è stato somministrato il vaccino Astrazeneca in Europa e Regno unito. (c) Dpa-zentralbild

C'è una correlazione tra i casi di trombosi cerebrale e la somministrazione del vaccino Astrazeneca. Lo ha riferito mercoledì l'Agenzia europea per i medicinali sottolineando al contempo che si tratta di effetti collaterali molto rari e che "i benefici de vaccino superano i rischi".

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 aprile 2021 - 20:45

"L'Ema ricorda agli operatori sanitari e alle persone che ricevono il vaccino di rimanere consapevoli della possibilità che casi molto rari di coaguli di sangue combinati con bassi livelli di piastrine nel sangue si verifichino entro 2 settimane dalla vaccinazione", scrive l'Agenzia europea in una nota. 

"Finora, la maggior parte dei casi segnalati si è verificata in donne di età inferiore a 60 anni entro 2 settimane dalla vaccinazione. Sulla base delle prove attualmente disponibili, i fattori di rischio specifici non sono stati confermati".

"Le persone che hanno ricevuto il vaccino devono cercare immediatamente assistenza medica se sviluppano sintomi di combinazione di coaguli di sangue e piastrine basse", scrive ancora l'Ema.

“Il comitato di sicurezza dell’Ema imporrà ad AstraZeneca robusti studi per capire di più sugli effetti di rischio” del suo vaccino, ha detto il responsabile della task force sull’analisi dei dati dell’Ema, Peter Arlett, parlando in conferenza stampa.

La compagnia anglo-svedese dovrà fare “studi di laboratorio per cercare di comprendere meglio l’effetto dei vaccini sulla coagulazione, esaminare i dati esistenti di studi clinici ravvicinati per valutare si vi siano ulteriori informazioni sui possibili rischi e condurre anche studi epidemiologici”, ha sottolineato Arlett.

In ogni caso l'Ema è dell'opinione che il vaccino dovrebbe continuare a essere usato poiché il rapporto costo benefici resta estremamente positivo. 

L'agenzia ha effettuato un esame approfondito di 86 casi segnalati di cui 18 mortali su circa 25 milioni di persone, in Europa e nel Regno Unito, che hanno ricevuto il vaccino di Astrazeneca.  

Contenuto esterno

Diversi Paesi avevano deciso di smettere di somministrarlo al di sotto di una certa fascia di età, come la Francia, la Germania e il Canada. Norvegia e Danimarca ne hanno sospeso l'utilizzo. In Svizzera, Paese che ha ordinato 5 milioni di dosi del preparato, non è stato ancora omologato.

Altri invece hanno puntato tutto su Astrazeneca, come il Regno Unito. Le considerazioni del corrispondente da Londra della Radiotelevisione svizzera.

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/Zz/ats/afp con RSI (TG del 07.04.2021)

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.