Navigation

Piste chiuse per non disturbare i camosci

Le piste di sci escursionismo dell’Oberland bernese sono sempre più invase da appassionati della montagna. Per proteggere la fauna locale il cantone ha deciso di chiudere tre percorsi, ma le guide non ci stanno e hanno inoltrato ricorso. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 febbraio 2017 - 20:27
tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 28.02.2017)
Contenuto esterno

L’inverno è una stagione critica per gli animali selvatici, soprattutto in montagna, quando c’è molta neve. Fa freddo e gli animali spendono molte energie. Di conseguenza devono essere lasciati in pace, devono poter mangiare con calma. Quindi è fondamentale che i camosci non vengano disturbati.

Sono queste le motivazioni dell’Ufficio bernese di caccia e pesca che ha ordinato la chiusura di tre percorsi turistici, molto popolari nella regione.

Per questa ragione le guide di montagna temono una diminuzione degli introiti e hanno inoltrato ricorso contro la decisione. Secondo la Marc Ziegler, guida interpellata dalla Radiotelevisione svizzera, uomo e animali usano aree diverse della montagna.

 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.