Nuova legge Apertura negozi, il Ticino va controcorrente

Da Capodanno in territorio ticinese i negozi hanno la possibilità di allungare gli orari d’apertura, restando operativi mezz'ora in più in settimana (fino alle 19.00) e chiudendo alle 18.30 al sabato. Da notare poi che in Ticino ci sono 250 punti di vendita in più rispetto a dieci anni prima.

Interno di un negozio di vestiti con alcuni clienti.

Mezz'ora d'apertura in più per i negozi ticinesi.

© Keystone / Anthony Anex

Del resto, il Ticino si dimostra controcorrente rispetto alla media elvetica pure sul "saldo" tra aperture e chiusure dei negozi nell'ultimo decennio. Alla fine del 2019 si contavano oltre 250 nuove strutture in più rispetto a dieci anni prima, aspetto questo in controtendenza con quanto è avvenuto nella Confederazione, dove le chiusure sono state maggiori rispetto a chi apre. 

In cantoni come Berna e Vaud, infatti, sull’arco dello stesso periodo hanno abbassato le saracinesche oltre 1'000 punti vendita, stando allo studio della CRIFLink esterno, società attiva nella gestione del rischio di credito.

È però vero che anche in Ticino non mancano le vetrine vuote, a Mendrisio come a Bellinzona, mentre a Lugano i commercianti si sono rivolti alla politica chiedendo un sostegno. La ricerca precisa inoltre che molte rivendite hanno vita breve, tanto che il 20% non resiste oltre il primo anno d’attività. E tra queste, i dati mostrano che è meglio vendere fiori e piante anziché dispositivi elettronici.

E il "Quotidiano" è andato a verificare sul territorio se questa apertura prolungata faccia o meno piacere ai commercianti...


Parole chiave