Nei Grigioni Taxito, il "car pooling" per le regioni discoste

Dal 15 dicembre, per la prima volta nei Grigioni, sarà operativo sul tratto Coira-Maladers un sistema di car pooling. Si chiama "Taxito" e vuole essere un'offerta complementare al trasporto pubblico.

Un uomo che mostra dove vuole andare con un cartello apposito in una fermata per il taxito

In questa foto d'archivio il "taxito" che è già in funzione nelle zone rurali del canton Lucerna.

© Keystone / Urs Flueeler

Concepito in particolare per le aree rurali, "Taxito" è un sistema di car pooling spontaneo che intende promuovere una cultura di comunità. In pratica, senza la necessità di registrarsi o prenotarsi, sarà possibile presso le fermate di "Taxito" far visualizzare su un display le richieste di viaggio via SMS, un po' come quando, facendo autostop, si indica la meta su un pezzo di cartone. Ogni automobilista di passaggio si accorge così della persona in attesa e sa dove vuole andare. 

L'automobilista può dunque decidere spontaneamente se fermarsi e dare un passaggio a chi sta aspettando alla fermata. Dal canto suo, prima di salire in macchina il passeggero invia il numero di targa dell'automobile a "Taxito", in modo che entrambi, automobilista e passeggero, siano noti al sistema. La piattaforma crea così la necessaria base di sicurezza, senza che sia necessario registrarsi.

Quanto costa o quanto guadagno?

Per ogni corsa i passeggeri pagano un piccolo importo (tra Coira e Maladers si tratta di due franchi addebitati alla fattura del cellulare), mentre gli automobilisti ricevono un franco per ogni viaggio. Questo sistema di car pooling, aggiunge l'Ufficio dell'energia e dei trasporti, può essere impiegato su tratti che non dispongono di un potenziale sufficiente per l'implementazione di una nuova linea di trasporto pubblico, in risposta a una bassa cadenza oraria. 

La cartina topografica con Coira al centro
swisstopo

Il sistema di car pooling presentato a Coira è attivo da quattro anni in diverse regioni della Svizzera e della Francia e si è rivelato valido nel corso di vari progetti pilota. L'Ufficio cantonale dell'energia e dei trasporti aggiunge che i test fin qui compiuti hanno dimostrato che Taxito non entra in competizione con il trasporto pubblico. L'obiettivo è dunque quello di rafforzare l'offerta di trasporto sul tratto Coira–Maladers, creando un servizio aggiuntivo, sviluppabile in futuro con ulteriori fermate.

E allora la nostra corrispondente da Coira ci spiega come funzionerà taxito nei Grigioni.


Parole chiave