Navigation

Il piacere delle biblioteche condominiali

Roberto, l'ideatore della prima biblioteca condominiale di Milano. @BibliotecaRembrandt12

Un’iniziativa che da qualche anno si sta diffondendo a Milano e che riceve sempre più consensi: il progetto delle biblioteche condominiali.

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 marzo 2021 - 14:35

Portinerie che si improvvisano biblioteche, offrendo non solo la possibilità di prendere in prestito dei libri ma anche di conoscere i propri vicini di casa e anche di partecipare alla vita della piccola comunità di un palazzo. 

A Milano la storia delle biblioteche condominiali comincia nel 2013, quando viene aperta la biblioteca in via Rembrandt: una biblioteca allestita nell’ex portineria del palazzo. Nel frattempo a Milano sono nate una decina di queste biblioteche.

Noi siamo andati proprio nella prima biblioteca condominiale di via Rembrandt 12 che oggi ospita più di 7'000 volumi. Ma come spiega l'ideatore, Roberto, l'iniziativa è nata soprattutto per conoscere gli inquilini del palazzo... 

Contenuto esterno


tvsvizzera.it/fra con RSI


Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.