Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Migranti accampati a Bruxelles Una nuova Calais nel cuore dell'Unione europea

Bruxelles come Calais. La maggior parte sono cittadini eritrei ma non solo. Si sono accampati in un parco a Bruxelles in attesa di raggiungere la Gran Bretagna. Molti sono stati scacciati proprio da Calais. Nasce così proprio nel cuore dell'Unione europea l'emergenza migranti.

cal

Un parco a Bruxelles è diventato un luogo dove i profughi hanno trovato rifugio in attesa di partire per la Gran Bretagna

Sono giovani uomini, sbarcati e registrati in Italia, e arrivati a Bruxelles passando attraverso la Francia. In un parco cittadino - davanti all'Ufficio degli stranieri - sono più di 500. Ma a differenza dell'emergenza di Calais, qui i migranti non hanno un tetto e vivono in condizioni precarie. I rischi sanitari ormai incombono e i rapporti con chi abita nel quartiere si fanno tesi.

Ogni giorno la polizia interviene. E ogni giorno la scena si ripete. Questi migranti, eritrei ma anche iracheni e sudanesi non hanno l'intezione di chiedere l'asilo al Belgio. Il sogno di tutti è quello di raggiungere il Regno Unito. Proprio per questo motivo le autorità belghe non intendono aprire un centro di accoglienza: se vogliono restare in Belgio facciano domanda, se vogliono andare altrove, che vadano...

Un servizio dalla capitale belga del nostro corrispondente.



tvsvizzera.it/fra con RSI

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×