Navigation

Modigliani, asta da record

Un quadro di un nudo femminile realizzato nel 1917 da Amedeo Modigliani è stato acquistato lunedì a New York per 157,2 milioni di dollari. L'opera dell'artista livornese è diventata la più cara mai venduta dalla casa d'aste britannica Sotheby's. È stata aggiudicata poco al di sopra della stima record proposta di 150 milioni di dollari.

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 maggio 2018 - 13:35
tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (TG del 15.05.2018)
Il collezionista che ha deciso di mettere all'asta "Nu couché (sur le côté gauche)" l'aveva acquistato nel 2003 per 26,9 milioni di dollari. Keystone

L'opera, "Nu couché (sur le côté gauche)",  non ha però infranto il record mondiale di Modigliani stabilito nel 2015 a New York da un'altra casa d'aste, Christie's, con un altro nudo femminile sdraiato: "Nu couché" (Nudo disteso con braccia aperte o Nudo rosso) aggiudicato all'epoca per 170,4 milioni a Liu Yiqian, magnate cinese appassionato d'arte e fondatore di due musei privati a Shanghai.

Il record per un opera di Modigliani, 170,4 milioni di dollari, resta a un altro nudo dipinto dal livornese. Keystone

Il lavoro venduto lunedì per 157,2 milioni di dollari è il più grande dipinto (89,5x146,4 cm) realizzato nella carriera di Modigliani. Fu acquistato dal collezionista che ha deciso di metterlo all'asta nel 2003 per 26,9 milioni di dollari. 

Il quadro rappresenta l'unico nudo orizzontale di Modigliani a contenere l'intera figura all'interno della tela. Dopo la sua realizzazione, sempre nel 1917, il quadro fu censurato all'esposizione delle 'Galerie Berthe Weill' di Parigi, perché ritenuto dalle autorità francesi un'opera oscena.

Il nudo femminile di Modigliani è stato la star della recente retrospettiva dedicata al pittore dalla Tate Modern di Londra. 

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.