Navigation

Casi di polmonite atipica in Vallemaggia

Una decina di casi di polmonite atipica sono stati registrati nel corso delle ultime settimane nel distretto ticinese di Vallemaggia. La malattia è stata trasmessa agli esseri umani da capre infette. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 giugno 2019 - 19:38
tvsvizzera.it/
Contenuto esterno


Le analisi del cantone hanno permesso di appurare che si tratta di "Febbre Q" provocata dal batterio Coxiella brunetii, che ha colpito un centinaio di capre in Vallemaggia. 

"La trasmissione dall'animale alle persone avviene in modo preponderante attraverso l’inalazione (aerosol) dei batteri presenti nelle placente di animali infetti che hanno abortito o partorito normalmente. I più colpiti sono quindi i veterinari e i detentori di questi animali", scrive il cantone in un comunicato diffuso lunedì. Solo in casi rarissimi avviene una trasmissione tra esseri umani. 

La "febbre Q" ha in genere un decorso asintomatico o provoca una lieve influenza, ma talvolta i sintomi come febbre e mal di testa possono essere acuti e sono possibili complicazioni, come la polmonite. Si cura con antibiotici.

L’Ufficio del veterinario cantonale ha ordinato una serie di misure volte a ridurre al minimo il rischio d’infezione, come la vaccinazione di tutti gli animali delle aziende dove sono stati individuate le capre infette.

"Sebbene la trasmissione attraverso il latte rappresenti un rischio molto basso", scrive il cantone,  "è stato ordinato il divieto di vendita del formaggio a base di latte crudo prodotto presso quei caseifici con animali o latte di mescolanza positivi alla Coxiella nonché l’obbligo di pastorizzazione del latte per le prossime produzioni". 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.