Navigation

Si va di nuovo per bar, ristoranti e musei

A Campione come nel resto della Lombardia riaprono bar e ristoranti: torna così un po' di vita nel villaggio. Keystone / Alessandro Della Bella

Riaprono negozi, bar e ristoranti in Lombardia, da oggi (lunedì) zona gialla. Chi abita in Svizzera può ora attraversare il confine con la regione anche senza un motivo specifico, ma serve però un tampone negativo fatto nelle ultime 48 ore. Una regola valida fino al 5 marzo. Le norme, ovviamente, sono valide anche per l'enclave di Campione d'Italia, dove gli esercizi pubblici possono tornare ad accogliere clienti.

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 febbraio 2021 - 20:38

Il Lombardia è ora consentito muoversi liberamente tra i comuni ma sarà ancora vietato, fino al 15 febbraio e per tutti, spostarsi da una regione all'altra. Resta il coprifuoco dalle 22 alle 5 che si può infrangere solo per "comprovate esigenze", motivi di lavoro, salute ed emergenze.

Nella zona gialla i bar resteranno aperti dalle 5 alle 18, dopo è vietato l'asporto dai locali senza cucina. Anche i ristoranti saranno aperti fino alle 18, dopo è permessa la consegna a domicilio e fino alle 22 è possibile comprare cibo da asporto. Sarà inoltre possibile visitare un museo o ammirare una mostra dal lunedì al venerdì, ma non nei festivi e comunque con ingressi contingentati.

Aperti nei giorni feriali i centri commerciali: di sabato e nei festivi farmacie, tabaccherie, edicole e alimentari situati al loro interno resteranno comunque aperti.

Consiglio di Stato ticinese in allerta

E proprio il fatto che da lunedì si possa andare in Lombardia e in Piemonte senza un motivo specifico, ha messo in allerta il Consiglio di Stato ticinese. L'esecutivo ha scritto al Consiglio Federale per chiedere l'introduzione di contromisure puntuali per frenare il turismo degli acquisti e gli spostamenti in Italia non necessari. Si parla di test rapidi per chi rientra in Svizzera e di divieto di recarsi in Lombardia e in Piemonte per spesa e ristorazione. Il Consiglio di Stato ha pure sollecitato Berna a rispondere rapidamente, chiedendo che le restrizioni vengano attuate fino a fine febbraio.

Il servizio del Quotidiano:

Contenuto esterno


tvsvizzera.it/fra con RSI


Contenuto esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.